Vitaliano Brancati a Catania

ITINERARI LETTERARI

VITALIANO BRANCATI A CATANIA

"Il rumore di quello scandalo fu avvertito da tutta Catania come un boato dell'Etna”

Vitaliano Brancati, scrittore, sceneggiatore e saggista, compì gli studi universitari a Catania, a cavallo tra le due guerre mondiali. Nella stessa città e nello stesso momento storico Brancati ambienta i due suoi più celebri romanzi: Don Giovanni in Sicilia e Il Bell’Antonio.

Una descrizione vivida della celebre via Etnea si trova nel secondo romanzo: “Il terrazzino sporgeva da un lato sul corso, la via Etnea, lunga tre chilometri, fragorosa di vecchi tram, di frustate sul dorso di magri cavalli, di conversazioni, risate, strilli di giornalai, ribollente di scarpellate, manate, gesticolamenti, urtoni, inchini”.

Altre strade, piazze, scorci e ritagli di vita vissuta del capoluogo etneo vengono evocati nei due romanzi in maniera particolareggiata: la Chiesa del Carmine in piazza Carlo Alberto, piazza Roma, al centro della quale sta la statua equestre di Umberto I, porta Garibaldi, Via dei Crociferi, via San Giuliano. Della città viene poi raccontata, alla fine de Il Bell’Antonio, la desolazione della distruzione dopo la II guerra mondiale.