Teatro Luigi Pirandello

ITINERARI LETTERARI

LUIGI PIRANDELLO AD AGRIGENTO TRA IL CAOS E LA MAGNA GRECIA

A due km dalla Valle dei Templi, in una contrada di campagna detta Caos, si trova la casa dove nel 1867 nacque Luigi Pirandello.

Lo scrittore, premio nobel per la letteratura nel 1934, trascorse in questo luogo la giovinezza e qui volle essere sepolto: “sia l'urna cineraria portata in Sicilia e murata in qualche rozza pietra nella campagna di Girgenti dove nacqui”.

La casa fu acquisita nel 1952 dalla regione, che la trasformò in un Museo dove si conservano oggetti personali, fotografie, premi, recensioni, lettere, manoscritti, locandine originali di alcune opere teatrali e il vaso greco che fu usato nel 1961 per traslare le sue ceneri dal cimitero del Verano a Agrigento.

Nel giardino è conservata la “rozza pietra”, un cippo raccolto dalla Rupe Atenea e ritoccato dallo scultore Mazzacurati, dove sono contenute le ceneri. In questo luogo sorgeva anche il cosiddetto Albero di Pirandello, un pino centenario che è stato spazzato via da una tromba d’aria nel 1997.